Finalmente una presa di posizone dell’OMS che và nella direzione giusta e corretta, la direzione che ci si aspetterebbe da un Organismo che fa della scienza il proprio credo, che quindi è posto a tutela della sanità mondiale : NON ci sono prove ed evidenze scientifiche circa il fatto che i riscaldatori di tabacco siano meno tossici rispetto alle sigarette tradizionali.

Secondo la scheda informativa diffusa dall’OMS, i riscaldatori di tabacco non devono in nessun modo essere confusi con le sigarette elettroniche : cambia il meccanismo, cambia il funzionamento, cambia il prodotto e la fruizione dello stesso.

gli HTP (RiSCALDATORI DI TABACCO) non devono essere confusi con le sigarette elettroniche/ENDS. Gli HTP riscaldano il tabacco per generare nicotina e non sono “Vape products” come spesso indicato dalle industrie del tabacco. Le sigarette elettroniche/ENDS riscaldano un liquido contenente nicotina e non contengono tabacco. Quelle che non contengono nicotina sono chiamate “electronic non-nicotine delivery systems” (ENNDS)”

Conclude quindi, il documento posto dalla Organizzazione come, sarebbe necessario porre in essere delle leggi e regolamentazioni specifiche per quanto riguarda i riscaldatori di tabacco, i quali, non debbono in alcun modo essere confusi con le sigarette elettroniche.